BRU ZANE MEDIABASE
Risorse digitali sulla musica romantica francese

WACHS, Frédéric (1824-1896)

Nato a Parigi il 16 ottobre 1824 (e non nel 1825 come riportano tutte le biografie che finora gli sono state dedicate), Frédéric Wachs è figlio di un professore di musica: questa preziosa indicazione preziosa ci permette di immaginare la formazione artistica di un giovane del cui percorso iniziale in realtà non sappiamo nulla. Entrato nella classe di canto di Alphonse Révial nel marzo 1847, i suoi studi al Conservatorio parigino devono essere stati turbati dalla Rivoluzione del 1848: nel settembre 1849 viene infatti depennato, per assenza, dai registri dell’istituto. Tuttavia, non è grazie alle qualità vocali che Wachs riesce a vivere della propria arte durante il Secondo Impero, ma al suo talento di arrangiatore, che gli dà la fama. In particolare, si specializza nell’adattare per pianisti debuttanti i brani più popolari di varie opere di Mozart, Grétry, Donizetti, Bellini, Rossini, Meyerbeer; inoltre, seguendo la moda del tempo, trascrive in forma di quadriglia una quantità di arie antiche (Gluck, Méhul, Pergolesi) e moderne. Questa produzione quasi industriale di lavori per pianoforte è occasionalmente accompagnata da incursioni nel campo della musica vocale, con brevi brani di carattere religioso o comico. Ritroviamo tale mescolanza di sacro e profano anche durante la Terza Repubblica, quando Wachs è organista titolare a Saint-Merry e al tempo stesso crea numerose operette in un atto per l’Eldorado, le Folies-Bergères e il Théâtre des familles. Il figlio Paul (1851-1915) seguirà le sue orme, abbinando il posto di organista di Saint-Merry a una produzione più leggera.